Il logo dell'Associazione Santa Montagna

logo sito 150x150

Elementi:

  • Il Tau
  • La montagna
  • La corda a tre nodi

IL TAU

Il Tau è il simbolo francescano per eccellenza ma è anche il simbolo cristiano: la croce! Un simbolo che si trova già nell’Antico Testamento, nel libro di Ezechiele infatti, leggiamo: «segna un tau sulla fronte degli uomini che sospirano e piangono per tutti gli abomini che vi si compiono (Ez 9,1-4).» Il Tau è l’ultima lettera dell’alfabeto ebraico, e come la lettera Omega dell’alfabeto greco, diviene segno di redenzione, profezia dell’ultimo giorno (Ap 21,6; 22,13).
Le prima comunità cristiane colgono nel Tau la forma della croce di Cristo, tanto che lo si trova già nelle antiche catacombe a Roma. Simbolo del sacrificio che salva l’umanità, il Tau diviene simbolo distintivo di San Francesco, che lo segna sulla fronte di coloro che lo avvicinano, lo aggiunge alla propria firma e lo disegnava anche sulle pareti delle celle dei propri frati.

LA MONTAGNA

La montagna ha un profondo significato simbolico nella Bibbia: è il luogo di incontro con Dio, quando chiama Abramo a recarsi sul monte per offrire in olocausto il figlio Isacco (Gen 22, 1-2) o il luogo dove dona le tavole della Legge (Es 24,12); ancora, è il luogo dove Gesù si ritira in preghiera e dove insegna le beatitudini (Mt 5,1-12). Per la sua altezza misteriosa il monte è considerato nell’antichità il luogo di incontro tra terra e cielo. Il monte è anche il luogo dove San Francesco ricevette i segni della Passione del Signore: nel 1224, durante un tempo di ritiro e preghiera, il Signore gli apparve sottoforma di serafino crocifisso e ascoltò le sue richieste di partecipare completamente alla sua Passione. 

LA CORDA E I TRE NODI

Il Tau che si erge sulla montagna è contenuto all’interno di un cerchio formato dalla corda francescana con i caratteristici tre nodi. La corda fu voluta da San Francesco al posto della cintura, tipicamente usata per agganciare il portamonete e quindi legata all’idea di ricchezza dalla quale il Santo volle allontanarsi. Abbracciando la povertà, scelse come abito una tunica con le maniche a forma di croce trattenuta in vita da una semplice corda annodata. Ma presto i nodi divennero tre, a simboleggiare i voti di castità, povertà e obbedienza.

…confeziona per sé una veste che riproduce l'immagine della croce, per tener lontane tutte le seduzioni del demonio; la fa ruvidissima, per crocifiggere la carne e tutti i suoi vizi (Gal 5,24) e peccati, e talmente povera e grossolana da rendere impossibile al mondo invidiargliela! (Fonti Francescane 356)